Che cosè lo Standard?

Lo Standard riassume le caratteristiche morfologiche e caratteriali che dovrebbero idealmente contraddistinguere una razza canina. E’ un documento ufficiale, elaborato dalla società di razza del paese di origine del cane e approvato dalla (F.C.I.) Federazione Cinologica Internazionale, che ha lo scopo di fornire agli allevatori indicazioni chiare sulla scelta dei soggetti da far riprodurre, al fine di ottenere una selezione mirata al costante miglioramento della razza.
La F.C.I. (Federation Cinologique Internationale) è l’organismo di coordinamento delle Federazioni cinofile degli 80 Paesi membri (tra cui l’Italia rappresentata dall’E.N.C.I),
Sorta nel lontano 1911 da allora si è sempre occupata dell’armonizzazione delle attività cinofile svolte dalle varie organizzazioni nazionali. Ad esempio è essa che si preoccupa della conservazione e della traduzione nelle quattro lingue ufficiali della federazione (Inglese, Francese, Tedesco e Spagnolo) degli standard delle razze compilati dai Paesi cui le razze sono originarie.
Essa è l’organismo cui sono devoluti i compiti di ratifica dei vari titoli internazionali, di mantenimento della lista dei giudici internazionali, del coordinamento delle Esposizioni Internazionali, della tutela degli affissi degli allevamenti. L’affisso è il nome dell’allevamento che accompagna il nome attribuito ad un cane nato in esso, nel certificato di origine es. : ATHOS (nome del cane) DELLA VECCHIA MALGA (affisso). Il riconoscimento di un allevamento di un Paese membro da parte della F.C.I. ne riconosce il riconoscimento da parte di tutti i Paesi.
Periodicamente la F.C.I. indice delle assemblee generali, cui partecipano TUTTI i rappresentanti dei Paesi membri, durante le quali vengono stabiliti provvedimenti da attuarsi in tutti i Paesi. (esempio: riconoscimento di nuove razze). Nello stesso tempo è la F.C.I. a diramare norme che hanno effetto valido in tutti i Paesi.

< torna al indice
Share this post!